Home » ANCHE STEROIDI ORALI A BREVE TERMINE SONO RISCHI

ANCHE STEROIDI ORALI A BREVE TERMINE SONO RISCHI

by WikiStero.com

This post is also available in: Français English Español

Un ampio studio di coorte statunitense ha dimostrato che l’uso a breve termine di corticosteroidi orali è stato associato ad un aumento del rischio di eventi avversi come fratture, sepsi e tromboembolia venosa (TEV).

“Sebbene i medici si concentrino sulle conseguenze a lungo termine di steroidi , non tendono a pensare ai potenziali rischi derivanti dall’uso a breve termine “, ha affermato l’autore principale, il dott. Akbar Waljee della University of Michigan Medical School di Ann Arbor, Michigan, USA.

“Le linee guida cliniche in genere raccomandano di utilizzare la dose più bassa di steroidi per il periodo più breve per prevenire eventi avversi. Tuttavia, abbiamo scoperto che anche brevi periodi di utilizzo, indipendentemente dalla dose, erano associati a maggiori rischi di eventi avversi e che pochi pazienti usavano dosi molto basse “, hanno osservato Waljee e coautori, citando che solo il 6,3% delle prescrizioni studiate erano per una dose equivalente a <17,5 mg / die di prednisone e l’1,0% delle prescrizioni erano per< 7,5 mg / giorno.

Dei 548.945 adulti (< 64 anni) dai set di dati delle richieste di risarcimento assicurativo a livello nazionale degli Stati Uniti, a un paziente su cinque (21,1%, n = 327.452) sono stati prescritti corticosteroidi orali a breve termine tra il 2012 e il 2014. I consumatori di corticosteroidi tendevano ad essere adulti più anziani, femmine, bianchi rispetto ai non utilizzatori (p< 0,001 per tutti). [ BMJ 2017; 357: j1415]

pubblicità sponsorizzata:

Entro 30 giorni dall’inizio del trattamento, le utilizzatrici di corticosteroidi avevano tassi di incidenza significativamente più elevati di fratture (21,4 vs 14,3), TEV (4,6 vs 2,4) e sepsi (1,8 vs 1,0) per 1000 anni-persona rispetto ai non utilizzatori. Le differenze sono rimaste anche dopo aver stratificato l’analisi per età, sesso e razza.

Per controllare potenziali fattori di confondimento come la predisposizione genetica, lo stile di vita e le condizioni di comorbidità, è stato utilizzato un disegno di serie di casi autocontrollato. Le analisi che utilizzano questo approccio all’interno della persona hanno mostrato che i rischi di sepsi sono aumentati di cinque volte (rapporto del tasso di incidenza [IRR], 5.30), TEV di tre volte (IRR, 3.33) e frattura di quasi due volte (IRR, 1.87) nelle utilizzatrici di corticosteroidi rispetto ai non utilizzatori entro i primi 30 giorni di esposizione (p<0,001 per tutti). Le associazioni sono rimaste coerenti tra le dosi, anche per dosi equivalenti di prednisone di< 20 mg / giorno.

Con l’aumento del tempo dall’esposizione iniziale al farmaco (31-90 giorni), i rischi di eventi avversi sono diminuiti: IRR di 2,91 per sepsi, 1,44 per TEV e 1,40 per frattura (p< 0,001 per tutti).

Allo stesso modo sono stati riscontrati rischi maggiori nei consumatori di corticosteroidi entro 30 giorni dall’inizio del trattamento per sepsi, TEV e fratture quando si utilizzavano non utilizzatori con diagnosi abbinate come riferimento, nonché quando stratificati per muscolo-scheletrico (p< 0,001 per tutti e tre gli eventi) o condizioni respiratorie (p< 0,001 per tutti e tre gli eventi). Inoltre, l’esclusione di pazienti con corticosteroide non orale concomitante non ha modificato l’associazione.

“Le indicazioni più comuni per l’uso di corticosteroidi includevano condizioni come infezioni del tratto respiratorio superiore, condizioni spinali e allergie, che spesso hanno benefici marginali e per le quali trattamenti alternativi possono essere altrettanto efficaci e più sicuri”, hanno detto i ricercatori. “Ciò solleva la necessità di un’educazione medica generale precoce dei medici sui potenziali rischi dei corticosteroidi orali e le basi di evidenza per il loro uso”.

“Se ci sono alternative a steroidi , dovremmo usarli quando possibile “, ha detto Waljee. “Gli steroidi possono funzionare più velocemente, ma non sono così privi di rischi come potresti pensare.”

“[A] alternative ai corticosteroidi (p. Es., Farmaci antinfiammatori non steroidei per la gotta acuta o antidepressivi triciclici per il dolore neuropatico) possono essere un approccio più efficace”, ha suggerito Waljee e coautori, aggiungendo che erano necessari ulteriori studi per supportare questa decisione ciò nonostante.

0 comment

Lascia un commento

FREE COACHING