EPO – Eritropoietina

EPO-eritropoietina nel ciclismo
Ognuno ha sentito parlare di EPO negli ultimi decenni, sia nella comunità medica al momento della sua scoperta e di diffusione o più pubblicamente attraverso il suo utilizzo negli eventi sportivi negli anni ’90. Il ciclismo è lo sport più controllato al mondo, e l’EPO è stato notevolmente legato alla squadra professionale di ciclismo Festina.

Ma cosa nascondono queste tre lettere…? Qual’è il significato di ognuna, e soprattutto cos’è l’EPO?

Definizione di EPO

L’Eritropoietina (EPO) è un ormone secreto naturalmente dai reni (80-90%) e dal fegato (10-20%), così come l’utero. Stimola la creazione di globuli rossi che trasportano l’ossigeno attraverso il sangue ai tuoi organi e muscoli.

Nel 1983 l’EPO sintetica era prodotta industrialmente, un vero passo avanti per coloro che soffrivano di carenza di globuli rossi. Ha dato più opportunità alle persone con insufficienza renale in fase di emodialisi, bambini con anemia grave e le persone che attraversavano trattamenti pesanti di chemioterapia. E’ apparso in Francia nel 1990 sotto il nome di Eprex e nel 1991 con il nome Neorrecormon.

epo molecola

Ne esistono diversi tipi oltre l’EPO naturale. Ognuna ha una struttura molecolare e una durata di vita distinte.

NESP richiede una iniezione alla settimana, CERA una al mese e altre molecole sintetiche sono in fase di sviluppo.

A parte il suo uso medico, gli atleti e i loro seguaci vedranno rapidamente i vantaggi di questo prodotto, che aumenta notevolmente l’ossigeno nel sangue.

Questi metodi di doping sono già stati utilizzati negli ultimi decenni in altre forme.

Ci sono metodi di preparazione naturale ad alta quota, coinvolgendo l’allenamento in altitudine in modo che il corpo debba compensare la mancanza di ossigeno. Poche settimane prima della gara, l’atleta scende a bassa quota con un eccesso di globuli rossi prodotti naturalmente dal corpo. Questo metodo naturale è legale e ancora utilizzato oggi. Ad esempio, la squadra nazionale XV de France allena attualmente i suoi campioni mondiali di rugby in montagna.

 

Poi le cose cominciarono a degenerare. Negli anni ’50 e ’60 nuotatrici e ginnaste provenienti dai paesi dell’Est (Germania dell’Est, URSS) sono volontariamente “divenute” o “costrette” a rimanere incinta. Il corpo ha beneficiato della produzione di ormoni naturali e la gravidanza è stata interrotta 3/6 mesi dopo.

 

sangueIn seguito sono arrivate le trasfusioni di sangue. La procedura era semplice: raccogliere e conservare una quantità di sangue, continuare ad allenarsi mentre il corpo doveva ricostituire le cellule perse e reinserire il sangue pochi giorni prima della competizione. Questo processo era molto difficile in termini di conservazione.
Tra l’altro negli anni ’80, un corridore italiano, preso in flagrante, fu squalificato e sospeso.

 

Arriva poi il “Pot Belge“. Si trattava di una miscela completamente illegale utilizzata nel ciclismo. Non era prodotto solo da sostanze dopanti, ma conteneva anfetamine, analgesici, eroina, cocaina, ecc. La maggior parte del tempo era fatto artigianalmente, portando i soliti rischi per la salute per un atleta.

Questo cosiddetto doping del “povero” generava rischi fisici e anche rischi psicologici significativi. Infatti, poiché conteneva narcotici, alcuni atleti sono ancora dipendenti da questa droga, anche diversi anni dopo la fine della loro carriera.

pot belge doping

Con EPO, il doping è diventato professionista su larga scala!

Infatti, un dottore italiano al tempo chiamato Dr. Conconi ha reso popolare la pratica in Italia e il mondo del ciclismo fu gradualmente invaso.

Questo perché l’EPO è un ottimo prodotto per coloro che vogliono imbrogliare. È più difficile da individuare nei test di urina di qualsiasi altro prodotto sul mercato e ricercarlo è costoso. Ci vogliono diversi test di sangue in aggiunta agli esami di urina per rilevarlo in modo affidabile.

L’EPO ha un impatto importante sugli atleti che praticano sport di resistenza perché aumenta la tenacia e riduce la stanchezza. La prestazione è migliorata di circa il 10%.

La molecola eritropoietina (il suo nome scientifico) aumenta la produzione di globuli rossi dal suo livello normale del 45% fino al 65%. I globuli rossi ossigenano i muscoli per consentire la combustione, produrre energia muscolare e alimentare gli altri organi del corpo.

Numerosi atleti sono risultati positivi per questa molecola, che viene anche usato per la resistenza.

 

armstrong epoCi sono casi di ciclisti di alto profilo, come la copertura mondiale della rivelazione che il vincitore di sette volte il Tour de France e il campione del mondo Lance Armstrong avevano preso l’EPO. C’era un caso riguardante un ciclista francese all’inizio di quest’anno, nonché i casi riguardanti i ciclisti come l’italiano Davide Rebellin dai Giochi Olimpici 2008 o il tedesco Stefan Schumacher dal 2008 Tour de France e 2008 Giochi Olimpici.

 

Lance Armstrong aveva iniziato ad usare questo prodotto all’inizio della sua giovane carriera fino a quando non fu interrotto dal cancro del testicolo e dovette subire una chemioterapia.

 

Il ciclismo è sempre stato pesantemente regolato e, naturalmente, più test ci sono, più truffatori vengono catturati.

L’UCI (International Cycling Union), organo governativo del ciclismo mondiale, ha un vero desiderio di combattere questo fenomeno. E in considerazione della difficoltà di individuare l’EPO nei ciclisti, ha implementato un passaporto biologico per ogni ciclista e ha richiesto a tutti di dichiarare il loro luogo di residenza o indirizzo durante il viaggio per testarli regolarmente, anche fuori periodo di gara o senza avvertimento. Se un ciclista manca ad un test, rischia la sospensione.

Questa volontà di agire non è la stessa in tutte le federazioni atletiche. Alex Schwartz, vincitore dei 50 km delle Olimpiadi di Pechino, è stato testato positivo ma non gli è stato impedito di competere dall’IAAF (Federazione Internazionale delle Federazioni di Atletica).

L’elenco è lungo e possiamo anche nominare un etiopico nella maratona di New York, i centrocampisti francesi e molti altri…

eporex3000-descrizioneEPOREX 3000: Vedi sito ufficiale Meditech

 

Effetti collaterali di EPO

Ma fai attenzione, usare l’EPO – specialmente l’EPO sintetico – non è senza rischi.

Infatti, l’aumento dei globuli rossi rischia di causare la viscosità del sangue (sangue più spesso). In questo caso, la circolazione del sangue non è sufficiente e si possono incontrare rischi come coaguli di sangue, eventualmente flebite o infarto, ipertensione e arresto cardiaco potenzialmente.

Ciò potrebbe spiegare l’aumento della morte di giovani atleti di elite a causa dell’arresto cardiaco osservato negli ultimi anni, soprattutto nel calcio e nel ciclismo.

Pertanto questo prodotto deve essere utilizzato solo in caso di carenza o attività fisica regolare e prolungata e solo sotto una sorveglianza medica seria e permanente.

Conclusione

L’EPO sintetica continua ad essere sviluppata e ricercata costantemente. Alcune nuove varianti sono persino aspettate presto sul mercato. Ma si sta già discutendo di altre molecole e prodotti che potrebbero sostituire rapidamente l’EPO.

Aggiungi un commento