Miostatina

follistan-picturePrecedentemente nota come Growth differentiation factor 8 (GDF 8), la miostatina limita la crescita dei tessuti muscolari. È un membro della famiglia delle proteine ​​Beta 1 di TGF.

È una proteina che influenza direttamente la crescita agendo sulle fibre muscolari. Pertanto la miostatina si trova anche nelle cellule muscolari.

Se la quantità di miostatina è troppo bassa, i muscoli si svilupperanno troppo. D’altra parte, se c’è troppa miostatina nel corpo, la massa muscolare sarà insufficiente. Questo è il caso per le persone affette da insufficienza cardiaca: il cuore contiene troppa miostatina.

 

Questa proteina è presente nelle cellule muscolari striate dei muscoli scheletrici.

 

Le persone che mancano di questa proteina soffrono di ipertrofia muscolare totale come gli atleti che esercitano il bodybuilding intensivamente.

In caso di eccesso di miostatina nel corpo, la persona o l’animale subirà uno sviluppo muscolare rallentato.

 

miostatinaL’esercizio regolare può ridurre in modo definitivo i livelli di questa proteina nel corpo, sia nel muscolo scheletrico che nel cuore.

Diversi studi sono stati condotti sulla regolazione naturale della crescita muscolare con la proteina miostatina nella speranza di trovare un modo per bloccare la sua azione per aumentare la massa muscolare negli esseri umani o animali.

 

L’ipertrofia muscolare causata da problemi di miostatina è dovuta alla mutazione del gene GDF8 presente nel cromosoma 2.

 

L’aumento della dimensione muscolare non viene necessariamente con l’aumento della forza muscolare che dovrebbe accompagnarla naturalmente. Il tessuto adiposo legato al muscolo non è generalmente spesso.

I vettori omozigoti ed eterozigoti hanno gli stessi segni medici, che dipendono esclusivamente dalla quantità di miostatina. I portatori omozigoti hanno volume muscolare doppio rispetto al normale.

 

Follistatina

La Follistatina è una proteina. Appartenente alla famiglia TGF beta aiuta a regolare i fattori di crescita, influenzando principalmente le attivine e gli inibitori.

Il loro ruolo è quello di disattivare i fattori di crescita della famiglia TGF beta. Come funzionano? La Follistatina si connette ai fattori di crescita, impedendo così che queste proteine si connettano con successo ai loro recettori.

Essi sono attivi molto vicini al loro luogo di produzione. La follastatina si connette alle sotto unità beta a e b di queste proteine, quindi logicamente sono necessari due follastatini per disattivare una attivina e un inibitore.

 

Peptidi 1mg ACVR2B (ACE-031)

acvr2b_ace-031_1mg_1L’ACE-31 è una proteina sperimentale terapeutica. Il suo ruolo è quello di costruire muscoli e aumentare la forza. Inibisce le molecole che si connettono ai recettori sulla superficie cellulare chiamata activin type IIB Receptor (ActRIIB).

 

Unendo parte di un anticorpo umano con parte del recettore umano ActRIIB forma la proteina ACE-031.

La libera circolazione di questa proteina ActRIIB elimina altre proteine ​​GDF-8 così come altre molecole della stessa famiglia che limitano la crescita muscolare e la forza.

La famiglia di proteine ​​beta TGF-8 innesca la produzione muscolare. Promuove o inibisce la crescita muscolare.

In assenza di queste molecole (che trasmettono segnali grazie al recettore ActRIIB), la massa muscolare aumenta notevolmente. Questo fenomeno è stato osservato in molte specie, in particolare in molti animali.

ACE-031 tratta i muscoli scheletrici e favorisce la crescita muscolare inibendo ActRIIB, che si connette molto alle proteine ​​per limitare la crescita muscolare.

Quando L’ACE-031 è legato a queste proteine, blocca l’interazione con i recettori ActRIIB e la crescita muscolare non è regolata. Quindi il muscolo continua a svilupparsi in modo significativo.

Poiché ACE-031 impedisce alle proteine ​​GDF-8 di influenzare la regolazione della massa muscolare trasmettendo le informazioni al recettore ActRIIB, i suoi effetti sulla massa muscolare magra sono superiori a quelli delle proteine ​​che inibiscono solo GDF-8 (mIostatina).

 

Studi Medici sugli Inibitori della Miostatina

Nel 1997 una proteina sintetizzata nei mammiferi (compresi gli esseri umani) è stata scoperta presso l’Università di Baltimora.

Blocca la proliferazione delle cellule muscolari, permettendole di riparare o controllare la crescita muscolare.

La professione medica ha rapidamente mostrato interesse a questo prodotto per trattare i muscoli deboli o la carenza di forza. Infatti, l’inibizione dell’attività della molecola rende possibile la proliferazione delle cellule muscolari.

Sono stati sviluppati diversi metodi per inibire l’attività della miostatina. L’obiettivo di questi metodi è quello di impedire alla miostatina di legarsi al suo recettore (ACVR2b), bloccando così l’attività della miostatina e portando ad una maggiore massa muscolare.

effetti miostatina

 

Un metodo è quello di legare la miostatina ad un’altra molecola prima di legarsi al proprio recettore. A tal fine possono essere impiegate diverse molecole. Alcune sono molecole endogene presenti naturalmente negli esseri umani che contribuiscono a modulare l’attività della miostatina. Una di queste molecole è follistatina. Presente nel sangue umano, questa proteina è un inibitore della miostatina naturale.

Il propeptide di miostatina è un’altra molecola endogena che inibisce l’attività della miostatina.

 

Questo propeptide – presente nella struttura della miostatina immatura (miostatina latente) – si divide quando la miostatina viene attivata. Più tardi torna a legarsi alla miostatina attiva e impedisce la connessione al suo recettore. Alcuni atleti utilizzano peptidi sintetici identici a questi peptidi naturali per inibire l’azione della miostatina.

Altre molecole prodotte naturalmente dal corpo umano impediscono l’interazione tra miostatina e il suo recettore. Ci sono anche anticorpi anti-miostatina che sequestrano e inibiscono il suo legame. Un altro prodotto, composto da un sito di legame di miostatina identico a quello del recettore naturale associato a un frammento di anticorpi umani, forma un recettore miostatico solubile incapace di liberare il segnale che blocca la proliferazione delle cellule muscolari. I laboratori di ricerca hanno anche prodotto artificialmente la parte della proteina di miostatina che può legarsi ai recettori di miostatina e bloccarla senza innescare i segnali intracellulari che fermano la crescita muscolare.

 

Uso nel Doping

Per gli atleti, il doping genetico, o il raggiungimento di condizioni fisiologiche ottimali, ha diversi scopi. L’aumento della dimensione e del potere muscolare è uno, ma migliora direttamente le prestazioni e consente una rapida e ottimale guarigione (in caso di lesioni muscolari) o recupero per riprendere rapidamente l’allenamento completo.

Quindi il doping biologico richiede di “attaccare” tre punti principali: formare più muscoli scheletrici, aumentare la capacità ossigeno del corpo e, infine, massimizzare l’approvvigionamento energetico.

 

Questa molecola è di vero interesse per gli atleti di elite perché è naturalmente secreta dalle cellule muscolari scheletriche durante l’adolescenza e l’età adulta. È codificato dal gene dello stesso nome situato nel cromosoma 2.

miostatina

Esso svolge un ruolo importante nella regolazione della crescita muscolare. Infatti, interrompe la produzione del tessuto muscolare, impedendo una crescita eccessiva del muscolo.

Pertanto, il vantaggio del doping genetico è inibire la miostatina. Per l’assunzione endovenosa, sono stati studiati diversi metodi per bloccare (inibire) la miostatina:

  • Arresto della miostatina attiva con anticorpi.
  • Disattivazione della miostatina con un propeptide sintetico (non prodotto dal corpo).
  • Aumentare la funzione di inibitori della miostatina naturale come la follistatina.
  • Rendere i recettori di myostatina legati alle cellule scheletriche inattive.

 

Questi inibitori permettono di disattivare la capacità della miostatina di regolare la crescita muscolare. Se questa funzione è disattivata, il muscolo può crescere in modo eccessivo favorendo l’attività atletica che richiede una forte forza muscolare, come il sollevamento pesi, il bodybuilding o tutti gli sport in cui la forza e la massa muscolare sono molto importanti.

 

La maggior parte degli scienziati concorda sul fatto che l’inibizione della miostatina negli esseri umani sarà possibile nel prossimo futuro. Di conseguenza, tutte le organizzazioni anti-doping sono già al lavoro e si preparano a trovare i test che rilevano la miostatina bloccata.

Aggiungi un commento